ARTICOLO RIVISTA 108YA DICEMBRE


IL CENTRO STUDI AL SERVIZIO DEL DISTRETTO E DEI CLUBS

IL CENTRO STUDI AL SERVIZIO DEL DISTRETTO E DEI CLUBS

IL CENTRO STUDI, STRUTTURA AL SERVIZIO DEL DISTRETTO E DEI CLUBS Oltre un'attività di più ampio respiro culturale lionistico, tesa ad approfondire argomenti di portata più generale, nonché ad ipotizzare linee di azione a venire, nel rispetto della programmazione voluta dal Governatore e dal Gabinetto Distrettuale, il Centro Studi Distrettuale ha iniziato un'attività operativa di supporto ai singoli Club. Negli ultimi anni si sono succedute più modifiche allo Statuto del Lions Club International, deliberate per lo più nelle ultime convention internazionali. Come ovvio, un Lions Club può appartenere all’Associazione Internazionale in quanto il suo Statuto recepisce, con tempestività, tali modifiche. Vi è, infatti, in ogni Statuto di Club, una parte libera, lasciata alla libera determinazione degli associati; ma vi è una parte vincolata, che non può che essere conforme alle regole internazionali, sotto pena di esclusione dall’Associazione stessa. Il Centro Studi Distrettuale ha aggiornato lo Statuto tipo di Club in conformità alle più recenti modifiche internazionali ed ha avviato il monitoraggio degli Statuti di tutti i Club del Distretto, nel contempo proponendosi come supporto per il loro aggiornamento nel rispetto delle personalizzazioni proprie di ciascuno. I Club del Distretto devono solo trasmettere al Centro Studi Distrettuale il proprio Statuto e riceveranno la versione aggiornata nella parte vincolata, da adottare nelle proprie Assemblee. Un analogo supporto, ove richiesto, può riguardare i Regolamenti di Club. Ancora: la recente modifica normativa in tema di trattamento di dati personali sensibili ha generato notevoli difficoltà operative per il Lions International: basti pensare al problema, per un'organizzazione diffusa in tutto il mondo, di armonizzare il trattamento dei dati custoditi alle diverse normative, area per area vigenti. Con specifico riferimento all'Area europea, le modalità particolarmente stringenti previste per il trattamento dei dati, hanno imposto un processo di coordinamento tra i più livelli in cui i dati sono raccolti, detenuti e trattati, a partire dai singoli Club, ove l'informazione origina, sino al livello internazionale; si pensi alle conseguenze giuridiche della scelta del dove ubicare i server che custodiscono i dati. I singoli Club hanno ormai tutti ricevuto la modulistica da fare compilare ai propri soci per l'aggiornamento dei dati e la loro custodia; quanti non la avessero ancora ricevuta possono, anche in questo caso, contattare il Centro Studi Distrettuale, come anche quanti necessitassero di ausilio per la raccolta e detenzione dei dati. Occorre in ogni caso richiamare l'attenzione dei Club sulla necessità di una corretta raccolta e di una precisa conservazione di tali dati, individuando i responsabili di tale trattamento e le modalità per la trasmissione dei dati a chi via via subentrerà nell'incarico. Il Centro Studi ha predisposto una breve guida operativa per la corretta raccolta e gestione dei dati sensibili a livello di Club, disponibile a chiunque ne faccia richiesta. Tanto,in attesa che la prossima apertura di una pagina web dedicata del Centro Studi Distrettuale consenta di rendere disponibili online detti contenuti. Da ultimo, é opportuno precisare l'urgenza di tali adempimenti,in quanto il regime sanzionatorio previsto (per l'area europea sino al 3% del volume di affari annuo del LCI, da calcolare sul totale mondiale) fa sì che i singoli soci che non dovessero provvedere in tempo a fornire dati e consenso al loro trattamento, per decisione del board internazionale saranno esclusi dall'Associazione. CLEMENTE DELLI COLLI, Giurista,Componente del Centro Studi

IL CENTRO STUDI FRA MEMORIA E PIANIFICAZIONE STRATEGICA

IL CENTRO STUDI FRA MEMORIA E PIANIFICAZIONE STRATEGICA

Il centro studi tra Memoria e Pianificazione Strategica Il primo incontro del centro studi del Distretto 108 Ya, per l’anno sociale 2018/2019 è avvenuto il 21 Luglio presso il Grand Hotel Salerno; la partecipazione del Governatore Paolo Gattola e del Presidente del consiglio dei Governatori Alberto Soci ha dato ulteriore spessore all’incontro. Erano presenti il Direttore Emma Ferrante Milanese ed i componenti Carlo Russo, Maria Albrizio, Maria Pia Arcangelo, Anna Maria Della Monica, Clemente Delli Colli, Anna Maria Lupacchini, Francesco Palmieri e Gino Riondino. Partendo da un’ indicazione del Direttore si è aperto un confronto sui contenuti e sui tempi così da essere sinergici col Distretto sia per la diffusione della cultura lionistica, sia per la costruzione di una rete indispensabile per un servizio efficace ed etico. Dalla discussione è emerso che il centro studi ha bisogno di essere maggiormente conosciuto per essere riconosciuto come punto di riferimento per la storia del lionismo e come organo di pianificazione strategica del Distretto 108 Ya. IL governatore, nel suo saluto, ha sottolineato l’importanza del Centro Studi in un orizzonte di passione, impegno ed unione per contribuire al protagonismo dell’Associazione nel cambiamento. L’intervento di Alberto Soci ha sottolineato l’ottica del multidistretto che è centro di servizio per cui non sono i club a chiedere ma è il multidistretto che si pone il problema di cosa hanno bisogno i club. “ Diteci di cosa avete bisogno “ sono state le parole, ripetute più volte, del Presidente Soci per realizzare un interscambio consapevole, responsabile e proficuo. In questa visione è stata prevista la possibilità di organizzare una tavola rotonda dei centri studi del multidistretto Italy. Il dibattito ampio e, si spera, costruttivo ha portato alla seguente sintesi: 1. Ricognizione sul lavoro fatto negli anni precedenti per costruire la storia del Centro Studi anche come memoria ed identità. 2. Revisione dei regolamenti e degli statuti con la collaborazione di un delegato Leo. 3. Studi sugli statuti per la nuova legislazione del terzo settore. 4. Valutazione dei service da proporre per l’anno 2019/2020 in collaborazione con il comitato delle Attività di Servizio. L’ augurio, per tutti, è di un anno sereno, proficuo, sinergico. ,

CENTRO STUDI E WELFARE

CENTRO STUDI E WELFARE

Centro Studi e Welfare E’ ormai acquisito che oggetto del Centro Studi è l’ affrontare temi lionistici e temi non lionistici. Per temi lionistici si possono citare in primo luogo il diffondere, specie in ambienti esterni il pensiero dei lions (regolamento all’art.5 comma 2). Per i temi non lionistici, il regolamento indica l’aderire e favorire il programma dei Lions Italiani di inserirsi attivamente e responsabilmente nella società nazionale cercando di spiegarsi i problemi fino a promuovere iniziative a difesa della dignità e dei diritti dei cittadini soprattutto dei più deboli.(cfr E.Cirillo in Distretto Lions 108 ya dicembre 2017n 2 pag 8) La prima tavola rotonda di tutti i Centri Studi italiani ha confermato le direttive: come realizzare il We Serve e aiutare il miglioramento della nostra società. Ma quale società oggi viviamo? E come aiutare, dare gli indirizzi giusti e tali che siano in sintonia con i bisogni odierni? Per rispondere al quesito forse può essere utile una riflessione più ampia . La società tradizionale del raccogliere per redistribuire, quella per intenderci tesa all’aumento del benessere relazionale non risponde più alla necessità della odierna situazione. La globalizzazione ha modificato l’assetto tradizionale della società ed ha modificato anche il Welfare State che da Stato Sociale tendente al benessere si presenta in aspetto diverso, nuovo, frammentato. Il Welfare, come è noto, ha vissuto tre fasi: Il Welfare State (Keynes) del dopoguerra caratterizzato da spesa pubblica crescente per pensioni e prepensionamenti, ciò al fine di assicurare reddito ed evitare disoccupazione. La seconda fase è stata caratterizzata dal W. Neoliberale in cui il Welfare è stato un costo per la collettività teso a proteggere l’occupazione dal licenziamento; tipologia che l’economia e la società non si son potuti più permettere per aver troppo speso. Il welfare investiment che si è affacciato alla ribalta 10 anni fa, si presenta non solo come protezione ma anche come investimento teso a creare nuovo capitale sociale. Si spende di più ma si crea moltiplicatore sociale, produttività e impresa. Il Welfare Investiment permetterebbe di stare sul mercato favorendo l’autosufficienza e sarebbe il volano per rilanciare l’economia nell’ottica della responsabilizzazione far acquisire competenza, autoattivazione. Nella società tradizionale la caratteristica era coprire bisogni tradizionali (assicurare un reddito adeguato nella vecchiaia o in caso di disoccupazione, curare malattie, etc.) insomma proteggere il debole dal mercato. Nella società odierna la necessità è far fronte a nuovi bisogni (conciliazione, conseguenze economiche di percorsi di vita e lavorativi instabili, nuove povertà di lavoratori a basso reddito, crescita della non autosufficienza etc.). Di qui la necessità di sostenere lo sviluppo economico, di operare il ricalcolo continuo del sistema del welfare per fronteggiare vecchi e nuovi bisogni sociali, affrontare la globalizzazione, l’integrazione fra Europa e singoli Stati, le trasformazioni strutturali dell’economia e del mercato del lavoro. La complessità ha permeato tutti i campi, da quelli sociali (famiglie,migrazioni etc.) a quelli dei rischi sociali, fino alle trasformazioni nella domanda che si presenta strutturata in modo duale, dualizzando così i diritti dei lavoratori: un esempio è la riduzione della manifattura da un lato e alta produttività in industria 4.0 dall’altro. In altre parole, la situazione sociale complessa ha prodotto un welfare complesso e frammentato: il Welfare Mix , il Welfare come forma di “investimento sociale” nell’ottica del policy making nei diversi settori sociali; famiglia, lavoro, scuola, reddito, disoccupazione. Tutto ciò nel tentativo di un “retrenchment” del welfare italiano e un riequilibrio sociale. Il Centro Studi, che assume su di sé i compiti speculativi di riflessioni per nuove proposte a vantaggio di questa società in repentino mutamento si pone come laboratorio di pensiero, incubatore di idee, aggiornate e correlate al momento storico, (cfr Programma 2018 pag 1 del Dir. Emma Ferrante Milanese) al servizio del Governatore e dei Soci. Uno strumento efficace e funzionale al progetto del Distretto per lo sviluppo di nuove strategie nella direzione di un Associazionismo sempre più aderente ai tempi, più allettante per i Giovani quali portatori di creatività e iniziative originali, da affiancare all’ esperienza di chi vive da anni il lionismo e passando necessariamente al considerare l’apporto del lionismo femminile in un ottica di pari opportunità; cioè: studio e analisi attenta dei mutamenti non in un interesse per i governi ma per i principi che fanno raggiungere gli scopi lionistici. I Lions considerando importanti i doveri collettivi di cittadinanza possono realizzare il “ io ti aiuto ad aiutarti” dando voce non agli apparati che consumano solo diritti ma andando a prediligere un Welfare di comunità perchè o ci salviamo tutti o staremo tutti peggio. Proprio nel Sud c’è bisogno di social investiment in servizi per nuovi bisogni; qui non c’è ricchezza sociale e occorre superare la società che demarca. Il salto lo si potrà fare solo utilizzando il capitale culturale umano e fare mix con gli enti locali. Attenzione particolare va dedicata alla comunicazione vista come elemento unificante delle strategie, degli obiettivi e dei valori in un’ottica aggregante e realizzativa di sfide della valutazione in una cittadinanza generativa.